www.maridelsud.com

Ambiente Calabria

  Home|Index|Foto

Nino Calarco: Webmaster, ideaz. progettaz. fotografia;  - Www: elaborazione e trattamento testi;

Angelo Raso: legambiente Villa S.G.- Angela E. Calarco: committenza locale

L'ambiente è lo spazio che ci circonda, in cui viviamo ed operiamo e da cui siamo condizionati.

 

 Le montagne
 Le coste
 Le pianure

 Isole

 Laghi
 Fiumi
 Piante
 Pini di Calabria
 Animali rari
 Curiosità
 Primi passi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Solo due isole, degne di interesse per estensione e per gli aspetti paesaggistici, adornano lo splendido litorale che si estende tra il golfo di Policastro e quello di Sant’Eufemia: l’isola di Dino e l’isola di Cirella.

Sono entrambe proprietà privata e, purtroppo, deturpate da insediamenti moderni e, perfino, come nell’isola di Dino, da una strada.

La piccola e pittoresca isola di Dino, dalla forma piatta e allungata, simile ad una nave, con sponde rocciose, dirupate e traforate da curiose grotte come quella del "Monaco", delle "Sardine" dove sono presenti stalagmiti, delle "Cascate", la "grotta del Leone". 

Sorge a breve distanza dalla costa, di fronte al Capo dell'Arena a sud di Praia a Mare, si estende per 50 ettari con un’altitudine di 100 metri.

L'etimologia del nome deriva da fatto che sull'isola sorgeva un piccolo tempio (aedina) consacrato probabilmente a Venere.

Potrai scorgere ancora in Dina gli antichi ruderi di un tempio sacro alla falsa Diva degli amori. "Dicitur insula Aedina, quia ibi parva erat aedes in qua Venus colebatur. Aedinam etiam appellat auctor nostrorum annalium. Alii Dionem, ut apparet ex saxo, et epigrammate marmori sculpto"(1).

"Dina Pliniuo, Dina Dia tamen in nostro pleriplo repetitur"(2).

Nell'isoletta di Dina "... ebbe morte onorata un tal Vitigno condottiero degli Ajetani che in agosto 1639 combattè valorosamente contro i Turchi che capitaneggiati d'Amurat Rayscon sei vascelli prima assolsero Dina; dipoi Scalea, onde furono respinti dal Principe Francesco Spinelli che vi lasciò miseramente la vita come narra Giannone Stor. lib. 35. cap. I. Ciò avvenne essendo viceré di Napoli il Conte di Lemos. La monte di Vitigno è decantata con mediocri versi dall' Ab. Moliterno.

La tradizione di questo avvenimento si Conserva tuttora dai terrazzani, e si ripetono di frequente i versi che descrivono il coraggio e a pietà di quell'eroe e martire cristiano, il quale ferito letalmente, sopraffatto dall' oste che discendev'a folla dai legni barbareschi , ebbe rifugio in un antro, ove si trovò poi spento intriso nei e col rosario in mano, ineffabile conforto dei veri credenti nell' ora solenne del supremo tragitto"(3).

L'isola dista poche decine di metri dalla spiaggia di Praia dalla quale raggiungibile anche a nuoto.

E’ costituita da calcari dolomitici ed è ammantata, a sud, da macchia mediterranea e, a nord, da lecci.

Oltre alla vegetazione tipica della terraferma, si possono trovare  numerose piante rare come la piccola palma  nana, il talittro  calabro, il garofano

delle rupi, il terebinto e, soprattutto, la  primola di Palinuro, una vera rarità della  flora italiana che si pensava, fino a poco tempo fa, fosse reperibile solo in Campania.

Tanta vegetazione non può non ospitare molte specie di uccelli, che sostano sia  durante le migrazioni, sia nel resto dell’anno.

L’isola di Cirella sorge, invece, tra Scalea e Diamante.

Si estende per 12 ettari ed è alta 40 metri sul livello del mare.

Il perimetro dell'isola è caratterizzato da grotte, anfratti e piccole insenature.

Anche qui è diffusa una fitta macchia mediterranea, attorno alla torre si estende un boschetto di euforbio arborea con qualche pianta interessante   come l’aglio e il limonio.

 In tale habitat l’avifauna vi prospera senza difficoltà.

 

Bibliografia:

1. Sertorio Quattromani nelle note a Barrio, lib. A;

2. Placido Porcheron, nelle note al Pleriplo di Ravenna, lib. II cap. 3;

3. V. Lo Monaco, Santuario di nostra donna della grotta nella Praja degli schiavi, Napoli 1858;

 

 

 Sk

Torna su      Home page|Index|Foto  

 

  Risoluzione racc.: 1024 x 760 pixels - 16 mil. colori - Browser min. indicato: I. E. 4.0

 

   Tutti i diritti riservati  - webmaster@maridelsud.com - Sul web dal 1997

 by Spiderkapp