www.maridelsud.com

Ambiente Calabria

Home|Index|Foto

Nino Calarco: Webmaster, ideaz. progettaz. fotografia; Www: elaborazione e trattamento testi;

Angelo Raso: legambiente Villa S.G.; Angela E. Calarco: committenza locale

L'ambiente è lo spazio che ci circonda, in cui viviamo ed operiamo e da cui siamo condizionati.

 Montagne
 Coste
 Pianure
 Isole

 Laghi

 Fiumi
 Piante
 Pini di Calabria
 Animali rari
 Primi passi
 Curiosità

Rendendo ancora più incantato il paesaggio della Sila, splendono come gemme, tra le cornici di chiare praterie e di scure selve di conifere, tre grandi e splendidi laghi artificiali, di Cecita, di Arvo e di Ampollino, le cui acque, serrate da poderose dighe, che dirottano le acque del Crati, del Neto, del Savuto, dell’Arvo del Trionto e del Mucone, riforniscono di energia elettrica una gran parte dell’Italia meridionale.

Azzurre distese che splendono al sole là dove prima si stendevano pascoli più o meno paludosi, percorsi da lente acque.

Il lago Ampollino, allungato sul confine con la provincia di Cosenza, dista 20 km dal Villaggio Mancuso, famosa stazione di villeggiatura. Ha una capacità di circa 60 milioni di metri cubi e alimentava la centrale elettrica di Orichella, sulla Sila.

Nei suoi pressi, per erigere la grandiosa diga che ne contiene le acque, è stato allestito il villaggetto di Trepidò.

Il lago di Arvo, creato mediante lo sbarramento del fiume omonimo, ha una capacità di circa 70 milioni di metri cubi di acqua.

Situato nella valle che separa la Sila Grande dalla Sila Piccola, è un’immensa gemma turchina che rispecchia nelle sue acque le vette tondeggianti dei due monti più alti della Sila: il Botte Donato e il Montenero, ammantati da estese selve.

Lago Ampollino

 

Sulle sponde del lago, attraversati da numerosi ruscelli, emergono con i loro alberghetti e le loro ville, i famosi centri turistici di Rovale e Lorica.

A pochi km da Camigliatello Silano, un altro dei tre grandi specchi di acqua che forniva energia al Mezzogiorno: il lago di Cecìta o del Mucone. Le sue acque sono lambite da distese fiorite che risalgono con morbidi declivi verso le scure pinete. Esso è stato creato nel 1951 mediante lo sbarramento delle acque del fiume Mucone, con una diga alta 50 metri. Ha una superficie di circa 20 km quadrati.

Nella parte meridionale della Piana di Sant’Eufemia, nel territorio dei comuni Maierato e Monterosso, sulla strada che conduce a Serra San Bruno, incorniciato da fitti canneti, boschi di salici, distese di campi coltivati e pascoli con alberi sparsi, vi è il lago artificiale dell’Angitola, costruito dieci anni fa sull’omonima piana.

L’area del lago, nella provincia di Vibo Valentia, è parco nazionale protetto dal WWF ed iscritto nella Convenzione di Rasmar come zona umida di importanza internazionale per la varietà di uccelli acquatici.

 

Numerosi, infatti, i volatili, soprattutto nei periodi dei passi: migliaia di folaghe, svassi maggiori, simbolo dell’oasi, tuffetti, morette, gallinelle d’acqua, aironi cenerini, germani reali, a cui, in casi eccezionali, si possono unire anche uccelli rarissimi come l’airone bianco maggiore e il falco pescatore.

Nei pressi  di Gambarie e nella valle del Buonamico, offrono suggestivi paesaggi rispettivamente il lago Rumia e il lago Costantino.

Il primo, incastonato nella lussureggiante vegetazione e circondato da profumatissime ginestre. A nord-est di esso, il piazzale “Nino Martino”, famoso per il ricordo storico-leggendario, per la presenza di rocce particolari e l’incantevole panorama.

Il lago Costantino, invece, è nato dallo sbarramento della fiumara del Buonamico, causato da una frana durante l’alluvione del 1973.

 

 Sk

Torna su      Home page|Index|Foto  

 

  Risoluzione racc.: 800x600 pixels - 16 mil. colori - Browser min. indicato: I. E. 4.0

 

  Tutti i diritti riservati - webmaster@maridelsud.com - Sul web dal 1997

 by Spiderkapp