www.maridelsud.com

Il lago Costantino

t Indietro|Home|Index|Avanti u

Nino Calarco: webmaster, ideaz., prog., realizzaz., testi, fotografia

 

Il lago Costantino si formò durante l'alluvione nel 1973. Dopo giorni di intense piogge, il 1 gennaio 1973, una frana di enorme dimensioni si rovesciò sul letto del torrente Bonamico, in un tratto mediano della zona tra Polsi e San Luca, assestandosi perfettamente da una sponda all'altra.

Si formò così una diga naturale e, nello spazio di qualche giorno, una enorme quantità di acqua e fango riempì l'invaso.

La zona interessata è ricca di oleandri, per tale motivo, il lago creatosi, in un primo tempo, venne battezzato "degli oleandri", in seguito fu denominato ufficialmente "lago Costantino", dal nome dell'antico monastero di San Costantino del X sec. che sorgeva in quei pressi.

Col passare del tempo la distesa d'acqua assunse sempre più le caratteristiche di un vero e proprio lago, con la tipica vegetazione sulle sponde, con la formazione di piccole spiagge e soprattutto con l'allocazione di una fauna prettamente lagustre.

Le acque sono talmente limpide e pulite che può essere utilizzata come riserva di acqua potabile.

Il lago si sviluppa in lunghezza per circa 2,4 km sul letto del fiume, per un perimetro totale di circa 5 km e una profondità massima di circa 18 metri.

La profondità diminuisce di anno in anno a  causa del deposito alluvionale che trasportato dalle acque del torrente si riversa nel lago facendo alzare il fondo.

Col passare del tempo il lago sarà, quindi, destinato a scomparire lasciando posto a una distesa di sabbia.

Bibliografia:

- Calabria sconosciuta, rivista trimestrale di cultura e turismo, anni IV-V, n. 16/17, pagg. 77/78.

 

 Sk

 p Torna su    t Indietro|Home|Index|Avanti u

 

  Tutti i diritti riservati - mail: webmaster@maridelsud.com

 

  Risoluzione racc.: 800x600 pixels - 16.000.000 colori Browser minimo indicato: Internet Explorer 4.0 - Netscape Navigator 3.0.

 by Spiderkapp