www.maridelsud.com

Letture su: Il castello di Reggio calabria

Home|Index

  Nino Calarco: Webmaster, ideaz. progettaz. fotografia

 I castelli angioini

 I manieri di Ruggero

 Il castello di Reggio

 Il castello di Amendolea

 G.B. Galeni  "Occhialì"

 

Il restauro del castello di Reggio nel 1382

 

Carlo di Durazzo, nel 1382, ordinò al Capitano governatore dì Reggio la restaurazione di quel castello e la scrupolosa attenzione affinché i lavori fossero adempiti da tutti gli addetti.

"La torre maestra del castello, detta Magna de' Cola, circondata di mura, e la torre lombarda dovevano essere restaurati a spese della regia Curia; la torre Palombara a spese dei Giudei di Reggio; la torre di Mese a spese dei cittadini di Mesa; la torre detta di S. Niceto dagli abitatori di S. Niceto; la torre ch'era sulla porta dagli abitatori di Amendolea; la torre, detta Malerba da quei di Malerba; le fabbriche ch'erano nel castello accanto la Chiesa a spese della regia Curia.

La torre maestra del castello, detta Magna de' Cola, circondata di mura, e la torre lombarda dovevano essere restaurati a spese della regia Curia; la torre Palombara a spese dei Giudei di Reggio; la torre di Mese a spese dei cittadini di Mesa; la torre detta di S. Niceto dagli abitatori di S. Niceto; la torre ch'era sulla porta dagli abitatori di Amendolea; la torre, detta Malerba da quei di Malerba; le fabbriche ch'erano nel castello accanto la Chiesa a spese della regia Curia.

La Chiesa del castello dovea restaurarsi a spese dell'Abazia di S. Nicola di Calamati; l'impennata sull'entrata della porta del castello a spese dell'Abazia di Terreti.

Il vescovo, di Bova dovea, restaurare le stanze ov'erano, la cucina e la dispensa; gli uomini, del feudo di Leucio de Logoteta , il forno; l’Abazia di S. Giorgio de Enchia la sala, grande e finalmente l'università di Reggio dovea curare il restauro de’ barbacani."

I restauri del castello di Reggio erano in relazione con la guerra allora scoppiata tra Carlo di Durazzo e l’altro pretendente al trono napoletano Luigi d'Angiò.

Pare che fra  i partecipanti al restauro del castello ci fosse Agatro Malarbi da Gerace il quale contribuì non poco a mantenere tranquilla la Calabria .

 

 SK

Torna su         Home|Index

 

 Tutti i diritti riservati - mail: webmaster@maridelsud.com

 

Risoluzione racc.: 800x600 pixels - 16.000.000 colori Browser minimo indicato: Internet Explorer 4.0 - Netscape Navigator 3.0.

 By Spider kapp