www.maridelsud.com

Il teatro calabrese  le maschere: Giangurgolo

   Home|Index

  Nino Calarco webmaster, ideaz., progettazione - Www trattamento testi

 
 Origini del Teatro
 Presepe che si muove

 Maschere: Giangurgolo

 Maschere: Jugale

 Maschere: Pacchesicche

 Maschere: Coviello

 Teatri calabresi
 Autori: Vincenzo Padula
 Autori: Leonida Repaci
 Autori: Vincenzo Morello
 Autori: Corrado Alvaro
 Attori teatrali
 Altri attori
 Teatro dialettale

Personaggio tipico della commedia dell’arte calabrese del XVI secolo.

 Nel XVI secolo, a rappresentare la Calabria nella commedia dell’arte, fu una maschera vestita da capitano spagnolo con molti elementi tipici dell’abbigliamento calabrese.

Il contesto storico è quello successivo al trattato di Utrecht col quale si assegnava la Sicilia ai sabaudi. Molti nobili, signorotti e plebaglia siciliana, piuttosto che sottostare ai nuovi dominatori, preferirono emigrare nelle vicine "Calabrie"

La maschera rappresentava la caricatura di un siciliano filospagnolo e spaccone o la una parodia dei vari signorotti che avevano spadroneggiato nell’Italia meridionale.

Il suo nome era dato da una smisurata ingordigia che si manifestava soprattutto di fronte ai famosi maccarruni di casa: Giangurgolo, infatti, derivava "Zanni" o "Gianni" e "gola piena" quindi: Gianni-gola-piena, oppure Gianni-ingordo.

Le origini di Giangurgolo secondo Benedetto Croce dovrebbero essere riportate a Napoli agli inizi del 1600.

Per le sue caratteristiche rappresentative tale maschera non poteva non attirare le attenzioni della "Commedia dell'arte napoletana, fantasiosa e plurilinguistica".

 

 

Fu rappresentata fino alla fine del XVIII secolo nei più grandi teatri italiani, in cui riscosse la stessa fama delle più famose maschere delle altre regioni: Pulcinella, Arlecchino, Pantalone...

Il suo abbigliamento era costituito da una camicia bianca molto larga e senza colletto, con le maniche senza polsini ma allacciate con delle fettucce coloratissime, un colletto di ruches e un larghissimo pantalone a strisce rosse e gialle allacciate sotto le ginocchia. In testa un cappello a forma di cono, di colore rosso, con una fascia rossa e gialla.

Le caratteristiche più appariscenti erano il grande naso arcuato e il dialetto calabrese.

Giangurgolo era un tipo sempre pronto a litigare, pieno di boria, bugiardo, grande amatore e convinto dongiovanni, sdolcinato con le donne alle quali suscitava solo ilarità.

 Mentre  ostentava  sicurezza  sguainando  la spada  e minacciando  di  compiere flagelli, scappava a gambe levate tutte le volte che le cose si mettevano male: forte e potente con i più deboli di lui, diveniva disponibile e compiacente di fronte ai più forti, fino a diventare un vero e proprio leccapiedi pur di ottenere ciò che desiderava.

Con rammarico constatiamo che oggi questa maschera nemmeno nella sua terra occupa il posto meritato.

 

Bibliografia:

- Atlanti del sapere, "maschere Italiane", Giunti editoriale, Firenze, 2002;

- Giuseppe Petrai, Lo spirito delle maschere, Roux e Viarengo editori, Torino, 1901.

 

 Sk

   Torna su      Home|Index

 

  Risoluzione racc.: 1024 x 760 pixels - 16 mil. colori - Browser min. indicato: I. E. 4.0

 

  Tutti i diritti riservati - webmaster@maridelsud.com - Sul web dal 1997

 by Spiderkapp