www.maridelsud.com

Tradizioni religiose calabresi: Bova

     t Home|Index u

  Nino Calarco: webmaster, ideaz., progettazione - Angela E. Calarco: Committenza locale

 

  I Vattienti

 San Rocco

 Madonna della lettera

 Vergine nera di Seminara

 Madonna della grotta

 Madonna Porto Salvo

 L'affruntata

 Madonna Consolazione

 San Leo di Bova u

 Sant'Eufemia

 Letture

 

 

A Bova Superiore, piccola città vescovile, cuore e capitale della comunità grecanica dello Ionio reggino, nei momenti di grande siccità si ricorreva all'intercessione di un Santo Basiliano, San Leo di Aprico, detto Leo di Bova.

Sul versante ionico della costa reggina, il sole è molto forte. Qui l'estate si protrae per molti mesi e la pioggia è da sempre molto scarsa.

 Non molto tempo fa, quando l'agricoltura era ancora la base portante dell'economia della piccola comunità, nelle annate di magra in cui il raccolto andava male a causa della siccità, fra gli abitanti, allora quasi tutti contadini e pastori, si formava una specie di commissione che si presentava a nome del popolo dal parroco della chiesa di San Leo, per chiedere che il Santo venisse esposto alla venerazione del popolo.

Se il consenso veniva accordato, tutto il popolo dava subito inizio a una lunga veglia  con preghiere e liturgie fintanto che il santo non esaudiva le loro richieste.

Qualora la piaggia tardava a venire nonostante le pressanti preghiere, si decideva, unanimamente, di fare la grande processione.

A questa partecipava tutto il popolo, i sacerdoti e le confraternite, avvolti in un abito molto colorato. Partendo dalla Chiesa si attraversavano dapprima le vie del paese, poi le valli sottostanti, fino a raggiungere il mare.

 

 

Quando la processione con le reliquie del Santo passava per le stradine delle campagne, accompagnate da canti che si tramandavano da generazioni e dal suono incessante delle campane, altri contadini e pastori si univano alla processione.

Quando si giungeva sulla battigia della spiaggia a Torre Varata (località che si trova tra Bova Marina e Palizzi Marina), il parroco immergeva nell'onda il reliquiario utilizzando la mano della statua del Santo. Il rito doveva svolgersi esattamente e solo in quel preciso luogo della spiaggia, altrimenti non si sarebbe ottenuta la grazia.

Capitava spesso, secondo i tanti racconti popolari, che proprio in quel momento  il cielo si oscurasse e la pioggia cominciasse a cadere.

 

 SK

p Torna su     t Home|Index u

 

 tutti i diritti riservati - mail: webmaster@maridelsud.com

 

Ris. racc.: 800x600 pixels - 16 mil. colori Browser min. indicato: Internet Explorer 4.0 - Netscape Navigator 3.0.

 By Spider kapp