www.maridelsud.com

Isole Eolie o Lipari

t Home|Index|Foto u

Nino Calarco: webmaster, ideaz., prog., fotografia. - Www: consulenza e trattamento testi - Angela E. Calarco: committenza locale.

 

 Filicudi  

 Panarea u

 Immagini uu

Panarea è l’isola più piccola dell’arcipelago, ma unica per il fascino del suo paesaggio.

Il suo antico nome, Eunoymos, stava ad indicare la sua posizione a sinistra dei naviganti che da Lipari si dirigevano in Sicilia.

Il nome attuale deriva dalle caratteristiche fisiche del terreno (Panaria = tutta sconnessa), che consentono solo delle passeggiate a piedi, con motorino e con i caratteristici taxi elettrici, non è consentito l’uso delle auto.

Negli ultimi tempi l'isola è stata scoperta dal jet set internazione.

Ad attirare l’attenzione del turista, oltre la bellissima vegetazione di hibiscus, capperi e buganvillee, il piccolo arcipelago di isolotti e scogli:

Basiluzzo, oggi disabitata, ha la forma di una cupola con pareti a picco sul mare che evidenziano le stratificazioni delle varie colate, chiare e scure, dalle forme  più strane, ma accessibili solo da uno scalo naturale;

Dattilo, a forma piramidale, fiancheggiato da scogli minori dette Guglie, in cui si trovano alcune caverne con zolfo e allume cristallizzato;

Bottaio e Lisca Bianca con la sua spiaggetta e il bianco colore della roccia dovuto alle fumarole, bolle gassose o solforose che per millenni sono state in attività, ancora visibili anche a pochi metri di profondità.

E’ sorprendente nell’isola il clima di familiarità che si instaura anche tra gli abitanti e turisti, a tal punto che l’arrivo al molo del porto di San Pietro di una nave o aliscafo richiama l’attenzione di tutti i presenti, come se tutti si conoscessero.

Negli ultimi anni molti terreni e ruderi sono stati acquistati da turisti e ristrutturati, spesso in maniera indiscriminata, poiché non è stato rispettato lo stile oliano, caratterizzato dall’essenzialità delle linee, dalle pareti senza intonaco per mimetizzarsi agli occhi dei pirati che infestavano la zona, e dall’uso di materiali reperibili sul posto.

Adesso prevale il bianco delle casette, soprattutto nella contrada di San Pietro, dove sono disposte a semicerchio, una accanto all’atra, dominate dalla nuova chiesa e dalla terrazza da cui si gode uno splendido panorama.

Nell’insenatura più bella dell’isola, Cala Junco, c’è un villaggio preistorico del 1400 a. C.: 23 capanne ovali in pietra dell’età del bronzo, dove sono state rinvenute ceramiche, mortai, macine, pentole e vasellame.

La spiaggia di Cala degli Zimmari e la spiaggia più frequentata dai turisti.

Interessanti anche le cosiddette “spine”, formazioni rocciose, resti di una colata lavica che arrivava sino a Capo Milazzese.

 

 Sk

p Torna su        t Home|Index|Foto u

 

  tutti i diritti riservati - mail: webmaster@maridelsud.com

 

  Risoluzione racc.: 800x600 pixels - 16.000.000 colori Browser minimo indicato: Internet Explorer 4.0 - Netscape Navigator 3.0.

 by Spiderkapp