www.maridelsud.com

Dall' VIII sec. a. C.  al 1783

Indietro|Home|Index|Foto|Avanti

Il periodo medievale -  Il periodo moderno

  Nino Calarco: Webmaster, ideaz. progettaz. fotografia - Veronica Aretini autore

 

 Index

 Quadro ambientale

 Agli albòri della civiltà

Dal VIII a.C. al 1783

 Situazione di fine 700

 Dall'800 al 1830

 Dal 1831 al 1859

 Dal 1860 al 1880

 Dal 1881 al 1940

 II guerra mondiale

 Dal 1950 al 1984

 Regione Calabria

 Toponomastica

 Paesaggio agrario

 La parrocchia:

     - Notizie storiche

     - Le chiese
     - Funzioni Religiose

 Personaggi Illustri:

     - Marilena Licandro
     - Don Calarco
     - Gaetano Griso

 Le frazioni:

    - Introduzione

    - Acquacalda

     - Colelli

    - Favani

    - Melia

    - S.Angelo

    - Sanperi

     - S.Giorgio

    - Lipiani

 La cucina:

    - Cucina Antica
    - Cucina tradizionale
    - Ricette antiche

 Letture:

    - Introduzione

    - Il focatico

    - Cenisia e Roboreto

    - Una madonna negli USA

 Foto/Immagini

 

 

 

 

1.   L'arrivo dei coloni greci

  Nonostante le numerose testimonianze comprovanti la presenza dell'uomo fin dai primordi nella regione aspromontana e nelle sue propaggini più meridionali, generalmente si ritiene che la regione Calabria, identificata quasi interamente con le sue coste, di cui l'Aspromonte costituisce un'appendice secondaria, sia entrata nella storia con l'arrivo dei primi coloni greci nell'VIII sec. a.C.

L'arrivo dei coloni greci costrinse gli abitanti indigeni a ritirarsi sempre più all'interno verso le terre più povere, modificando la loro economia tradizionale basata sull'agricoltura e sull'allevamento oppure a rimanere soggetti al loro dominio, assumendo lingua, usi e costumi ellenici.

 La città di Reggio, fondata da coloni greci Calcidesi , il cui nome sembra derivare dal greco "Rhegion" che significa "strappo o schianto" alludendo alla separazione violenta del continente dalla Sicilia, divenne nell'arco di un secolo una delle città più importanti della Magna Grecia,, nonostante non godesse né di un ampio retroterra agricolo come Sibari e Crotone, né di una rada sicura come Messina.

Nel III sec. a.C. la linea degli stati greci venne spezzata dall'invasione del popolo montanaro dei Bruzi, che rappresenta la fase finale dell'espansione delle popolazioni italiche nella penisola. Nel 356 a.C. i Bruzi si estesero verso sud fino a raggiungere l'Aspromonte, evitando la costa, quindi, il mare a loro poco consono.

 La nuova popolazione si ingrandì operando proprio in quei traffici e mercati che la colonizzazione greca, basata principalmente sui traffici marittimi, aveva trascurato e, quindi il settore agricolo-pastorale tipico di quei territori come San Roberto.

Le mire espansionistiche dei Bruzi vennero interrotte dallo scontro con Roma: la vittoria finale di Roma vide infatti questo popolo ridotto in massa al grado di servi.

Intorno al 130 a.C. venne costruita la via Popilia, o Annia, (da Annio Rufo che la portò a termine) per ordine del Console Publio Popilio allo scopo di collegare Roma a Reggio. Pare che nel tratto tirrenico più meridionale questa via, da Metauria proseguiva per le stazioni di Taurianova, e passando per Solano, indi non seguiva più la costa, ma verso l'interno, risalendo le colline fino a raggiungere Melia.

Infatti nelle vicinanze di Melia, ai limiti di confine più a nord dell'attuale territorio di S. Roberto, presso il passo di Tremùsa, in prossimità delle grotte omonime, tutt'oggi vi sono chiare tracce di questa antica via consolare.

Da Melia il ramo che scendeva a Fiumara, in contrada S. Lucia, si articolava in varie direzioni di cui una in particolare interessava la zona su cui gravita il territorio di San Roberto, mentre una delle direttrici principale proseguiva, costeggiando la fortezza di Matiniti, per Columna Rhegia, attuale Cannitello, un'altra  portava direttamente "Ad statum" attuale Catona, ambedue porti manufatti e stazioni d'imbarco per la Sicilia; la terza direttrice si dirigeva per "Rhegion", cioè Reggio Calabria.

2.   Il periodo medievale

Verso la metà del VI sec. i Bizantini conquistarono il Bruzio tenendolo poi per cinque secoli, fino all'arrivo dei Normanni, avvenuto nell' XI secolo. Salvaguardando così la zona dalle trasmigrazioni barbariche che, pur segregando la Calabria dal resto dell'Italia, consentì l'amalgama dell'elemento siculo-greco-bruzio-romano.

Comunque l'ellenismo, comprendendo con tale termine anche l'influenza culturale bizantino rimase l'elemento culturale prevalente ed è certificabile attraverso la diffusione tra il VII ed il X sec. d.C., anche nell'area di San Roberto, dei monasteri basiliani.

Il territorio del nostro comune, pur essendo un ambiente montano fu il punto di contatto della civiltà greca con elementi autoctoni pre-ellenici, quello successivo bruzio e la latinizzazione romana, ma l’impronta ellenica fu quella predominante.

Durante il lungo periodo bizantino la Calabria visse uno stato di pace e di relativo benessere che durò quasi senza interruzione dalla metà dell'VIII secolo e venne a cessare con il primo insediamento musulmano in Sicilia nell'813, reso poi stabile nell'827.

I centri abitati costieri, fin dalle prime incursioni saracene che rientravano nel quadro della lotta tra Bisanzio e gli Arabi per il dominio del Mediterraneo, a causa della latitanza di Bisanzio, dovevano provvedere da soli a difendersi costruendo molte torri lungo la costa con la scopo di avvistare le navi musulmane. Quando gli uomini addetti a scrutare il mare davano allarme, la gente cercava scampo disperdendosi tra le montagne dell'interno.

Il perdurare di tali fenomeni costrinse le genti della costa a spostare le loro residenze definitivamente in alture dove potevano avvistare con anticipo le navi nemiche, erano facilmente difendibili e consentivano fughe rapide verso zone ancora più interne.

In questo periodo molti centri costieri, scomparvero ed i trasferimenti delle popolazioni verso l’interno causarono un massiccio abbandono delle zone agricole fertili essenziali per i commerci, provocando la progressiva diffusione della malaria.

Il villaggio di S. Roberto venne fondato, proprio durante questo periodo storico, dai profughi di Fiumara del Moro, nel X secolo, per sfuggire in modo più sicuro alle incursioni saracene.

Sotto il dominio di Re Ruggero vennero riunite tutte le regioni, le province presero il nome di Giustizierati a capo dei quali vi era un Giustiziere Provinciale che, a sua volta, dipendeva da un Gran Giustiziere. Uguale sistema fu tenuto dagli Svevi: sotto Federico di Svevia i Giustizierati erano nove, tra i quali nel  IX secolo veniva compresa la valle del Crati e la Calabria.

Da un Proclama di Giovanna I del 1372, il territorio costituente il distretto di Reggio all'epoca si estendeva da Bagnara Calabra a Capo Bruzzano e, tra le terre a nord-ovest dipendenti dalla sua giurisdizione, venivano comprese oltre a Bagnara e Scilla, anche Fiumara del Muro e Calanna, e quindi il territorio di San Roberto.

3.   L'era moderna

Nel 1412 la città di Reggio venne reintegrata nei suoi antichi domini all'infuori, relativamente alla sola sezione a nord-ovest di Reggio attinente al territorio di San Roberto, dei territori di Bagnara Calabra e di Fiumara del Muro che furono in seguito ceduti in feudo. Nel 1412 il territorio di Fiumara, e quindi il Casale di S. Roberto di cui godeva la giurisdizione, venne ceduto da Ladislao d'Angiò a Guglielmo Ruffo e la famiglia Ruffo, che quindi fu la prima ad averne il dominio, lo conservò fino al 1480.

I vari rami della potente famiglia dei Ruffo detenevano, sulle ultime sponde tirreniche della Calabria, una posizione molto importante. Infatti fin dal 1463 possedevano Bagnara Calabra, che aggiunsero al loro antico dominio di Sinopoli.

Nel 1532 acquistarono, dai De Nava, Scilla che divenne il principale loro dominio e su cui chiesero, ed ottennero nel 1578, il titolo di Principi. Infine, dopo diverse traversie, recuperarono anche le terre di Fiumara del moro, e quindi il casale di S. Roberto, insieme alla Torre e al Passo di Catona.

Dopo l'avvento degli Aragonesi e l’istaurarsi dell’anarchia feudale, i giustizierai, introdotti dai Normanni come organi amministrativi, politici e di controllo dei territorio, e mantenuti per tutto il dominio dei re Angioini, sotto Alfonso d'Aragona (1442-1450) furono sostituiti con dodici Province alle quali venne proposto un Preside, che era anche a capo dei Tribunali regi, detti Regie Udienze. Inoltre furono inviati dodici questori, ossia tesorieri, per quante erano le province, con l'incarico di riscuotere i tributi dovuti dai Comuni alle Province.

La V Provincia, Calabria o Calauria, venne suddivisa in Calabria Citra, con capoluogo Cosenza, e Calabria Ultra, con capoluogo S. Severina.

L'anarchia feudale raggiunse l'apice proprio con Alfonso I d'Aragona, quando, per l'esaurimento delle finanze dello Stato a causa delle guerre sostenute, quasi tutto il Regno venne concesso in feudo, con la conseguente diminuzione delle città e dei territori demaniali.

Si concedeva in feudo anche la proprietà ed i redditi insieme alla dignità dei vassalli, poiché la formula molto ampia d'investitura "Concedimus in feudum hanc terram" dava diritto ai feudatari allo “Jus personale ac Reale" sugli uomini del feudo.

Tali investiture resero talmente potenti i feudatari che questi finirono inevitabilmente con il sostituirsi al sovrano, commettendo impunemente tutta una serie di abusi ed usurpazioni che depauperarono sempre più le popolazioni soggette.

Nel 1480, il Casale di S. Roberto, insieme con le terre di Fiumara del Muro, venne venduto da Ferrante I a Bertoldo Carafa, per 8.000 Ducati, insieme alla Torre ed al Passo di Catona. Da questa vendita nacque una lunga lite tra le famiglie Ruffo e Carafa, le cui conseguenze dovettero essere pagate dalle popolazioni locali a loro soggette.

Tale lite si risolse successivamente con un accordo tra Cesare Carafa, figlio di Bertoldo, e Giovanni Ruffo, Conte di Sino poli. Secondo l’ accordo ciascun contendente riconosceva il pieno diritto dell'altro sui rispettivi domini.

Durante il periodo storico del Vicereame Spagnolo, S. Roberto come Casale di Fiumara, rimase per parecchio tempo saldamente in mano alla famiglia Carafa.

Nel 1532 i Turchi avevano tentato uno sbarco a Catona ma erano stati respinti dal Capitano Paolo Ruffo di Fiumara che, radunati i suoi dipendenti nei paesi del Cenideo, riusciva a ricacciarli in mare.

Con Carlo d'Angiò era stata istituita l'imposta ufficiale sui fuochi, cioè per famiglia, ma tale tassa venne resa ufficiale soltanto con Alfonso d'Aragona. Così dal 1465 fino alla seconda metà del XVI sec., vennero eseguite numerose numerazioni di fuochi: il fuoco equivaleva ad una famiglia di sei componenti e ogni persona singola veniva calcolata per 1/6 di fuoco, o famiglia.

 Nel 1532 la tassa sui fuochi per Fiumara, insieme al Casale di S. Roberto, contava 657 famiglie, nel 1545 ne contava 799 e nel 1561 ben 814, confermando una fase di espansione demografica in coincidenza con quella regionale che caratterizzò il XVI secolo.

Nel 1595 la tassa sui fuochi di Fiumara e del Casale di S. Roberto contava 789 famiglie, contro le 814 di meno di trent'anni prima. Le cause furono diverse: il forte flusso migratorio verso la Sicilia o Napoli; le continue scorrerie barbaresche; i dissesti del territoriali intensi che influenzavano la distribuzione della popolazione sul territorio e anche il fiscalismo regio e l’oppressione feudale sulle campagne, che rendevano le città demaniali molto più preferibili di quelle feudali.

Nel 1648 la tassa sui fuochi di Fiumara ed il suo casale S. Roberto contava ancora 789 famiglie, come cinquant’anni prima. La stessa tassa nel 1669 contava appena 772 famiglie, con una perdita di 17 famiglie rispetto al censimento di settant'anni prima.

A livello locale, abbiamo notizie dell'esistenza nel casale di S. Roberto, di una Parrocchia di antica fondazione dipendente dalla comuneria di Fiumaria che, fino al 1598, vi mandava uno dei suoi sacerdoti. Fu in questo periodo che due fedeli offrirono alcuni immobili per il mantenimento della Parrocchia e da quel momento ebbe vita autonoma.

Nel 1635 infatti i documenti confermano la nomina a Parroco di S. Roberto del sacerdote Don Giacomo Teodoro, "soggetto degnissimo ed onorato in tutto il territorio di Fiumara".

In contrada S. Peri, antico avamposto difensivo, utilizzato per evitare ogni possibile sorpresa proveniente dal mare, nello stesso periodo sappiamo dell'esistenza di un'antica Chiesetta dedicata a S. Diaria delle Grazie, già di patronato della famiglia Filocamo di Reggio.

Per quanto riguarda la proprietà feudale, all'inizio del Cinquecento tutto il territorio di Fiumara, quindi anche il Casale di S. Roberto, era sotto la Signoria dei Carafa. Tuttavia nel 1519 Diana Carafa, nipote di Bertoldo, sposando Paolo Ruffo Conte di Sinopoli, portava queste terre in dote nuovamente alla potente famiglia dei Ruffo.

Comunque, successivamente, attraverso una serie di passaggi, questo territorio doveva divenire proprietà del ramo dei Ruffo di Scilla e della Bagnara.

Infatti nel 1609 il territorio di Fiumara, compreso il suo casale, venne venduto dalla Regia Corte per 100 mila Ducati, insieme a Calanna ed al Passo di Catona, a Vincenzo Ruffo Principe di Scilla, dopo la morte di Alfonso De Francesco a cui era stato parzialmente alienato. Indi passò definitivamente ai Ruffo nel ramo di discendenza dei Duchi della Bagnara nella persona di Carlo Ruffo, Principe di Scilla e Duca della Bagnara, sotto la cui Signoria rimase fino all'eversione della feudalità nel 1806.

Le condizioni di miseria dei contadini dell'interno calabrese non mutarono con l'avvento dei Borboni, nonostante i provvedimenti emanati da Carlo III, atti ad alleviare le misere condizioni economiche del Regno ed a restringere i privilegi dei baroni locali e degli ecclesiastici. Il vecchio ordinamento in 12 province venne mantenuto intatto fino al 1805.

Il capoluogo della Calabria Ultra veniva trasferito da S.Severina a Catanzaro, sede del Tribunale, detto Udienza Provinciale. Tra le varie disposizioni legislative di Carlo III, vi è la compilazione dei Catasti Onciari per fuochi, in tutte le "Università" del Regno, a scopo fiscale.

Con il Dispaccio del 4 ottobre 1740 si stabiliva il censimento delle persone e ricchezze con lo scopo di distribuire il carico fiscale in modo più equo. Questo grande censimento fu detto Catasto Onciario dalla moneta di conto che veniva usata a base della valutazione, cioè l'oncia (di cui si disconosce il valore). L'operazione venne ostacolata della nobiltà e del clero, quelle classi cioè che venivano ad essere colpite maggiormente.

Ugualmente furono compilati ben 9.000 volumi. Da questi dati risulta che nel 1744 l'Università di S. Roberto, come Casale di Fiumara del Muro, doveva per Adoa Ducati 8 e per la Partolania, tanto del Casale quanto di Fiumara, Ducati 14. Questo provvedimento rientrava nella politica riformistica iniziata con la Pragmatica del 1738 da Carlo III, che aveva tolto molte potestà ai baroni ma non aveva trovato ubbidienza in Calabria.

Nel 1742, con un Decreto della Reale Camera, si proibiva ai feudatari di esigere dalle "Università" i diritti di Portolania, Baglivo, Peso, Zecca e Misura se, nella spazio di due mesi, non avessero esibito i titoli di tali diritti.

Questi interventi riformatori ed arginatori dello strapotere dei baroni ebbero breve durata. Infatti nel 1744, per ricompensa ai servigi resi alla Corona durante la guerra, tutti i diritti vennero restituiti ai feudatari e la Pragmatica rimase lettera morta.

Nel 1759 il Regno di Napoli e di Sicilia passava al giovane figlio di Carlo, Ferdinando IV, sotto la tutela del toscano Tannucci, sotto il cui regno si dovrà verificare la catastrofe sismica dei 1783 in Calabria meridionale, che coinvolse in modo drammatico anche la Comunità di S. Roberto.

 

 

 

 Sk

Torna su     Indietro|Home|Index|Foto|Avanti  

 

  Tutti i diritti riservati - webmaster@maridelsud.com

 

  Sul web dal 1997

 by Spiderkapp