www.maridelsud.com

 Un tempo ... sullo Stretto ...

t Home|Index u

  Nino Calarco: webmaster, ideaz., prog., fotografia, testi - a cura di V. Aretini

 

Scilla,  leggendaria creatura figlia di Forbante e della ninfa Crateide (detta anche Crataia), o per altri del calabro Forcide (meglio conosciuto come il dio Forco) e di Ecate, prima di assumere le sembianze di mostro era stata una bellissima fanciulla, amata dallo stesso Giove.

Di Scilla si era invaghito anche il dio marino Glauco che, per lei, aveva rifiutato l’amore di Circe, provocandone la gelosia.

In tal modo quando il nume, più volte rifiutato dalla giovane, si rivolse alla potente maga per ottenere un sortilegio capace di rendere Scilla disponibile alle sue voglie, la perfida maga, avendo maturato un odio implacabile nei confronti della ninfa, offesa ed indispettita decise di vendicarsi dell’affronto subito.

 Avvalendosi delle proprie arti magiche, Circe organizzò un piano atroce per sbarazzarsi della pericolosa rivale, preparando un filtro avvelenato a base di erbe misteriose, con il quale avvelenò le acque della sorgente dove Scilla era solita bagnarsi.

La povera giovane, ignara della  terribile  sorte cui era destinata, entrando nelle acque avvelenate subì un’orrenda trasformazione: mentre la parte superiore del suo splendido corpo rimase immutata, la parte inferiore dello stesso degenerò e dal suo inguine nacquero sei spaventose teste di feroci cani latranti, dalle bocche dotate di tre fila di denti appuntiti, di cui non poté più liberarsi.

La leggenda vuole che Scilla, in preda alla disperazione, non avendo più il coraggio di mostrarsi agli occhi degli uomini, si rifugiasse in un antro naturale posto sotto la scogliera presso lo stretto, là dove la costa tirrenica si protende verso la Sicilia, a fronte del famigerato gorgo di Cariddi.

 

 

La mostruosa creatura, nascondendosi nella grotta e cibandosi di pesce, seminava terrore tra gli incauti naviganti che passavano questo tratto di mare afferrandoli, con i lunghi colli a forma di serpente di cui erano dotati i suoi mostruosi cani, e divorandoli con le possenti mascelle, mentre distruggeva le loro imbarcazioni.

La leggenda vuole che l’unica creatura incapace di provare orrore per la mostruosità di Scilla fosse lo “Xiphias gladius”, meglio conosciuto come pesce-spada, che durante la stagione degli amori raggiungeva in grossi branchi questo tratto di mare proprio per corteggiarla.

Da qui l’abbondanza di pesce-spada lungo lo Stretto, che è motivo di una pesca tradizionale

 

 

 Sk

p Torna su    t home|index u

 

  tutti i diritti riservati - mail: webmaster@maridelsud.com

 

  Risoluzione racc.: 800x600 pixels - 16.000.000 colori Browser minimo indicato: Internet Explorer 4.0 - Netscape Navigator 3.0.

 by Spiderkapp