www.maridelsud.com

 Un tempo ... sullo Stretto ...

Home|Index|Foto 

  Nino Calarco, webmaster,  ideaz., prog., testi, fotografia

 

 Aci e Galatea
 Cariddi
 Glauco
 Colapesce
 Fata Morgana
 Fiorella
 Fratelli Pii
 Colonna di S.Paolo
 L'aquilotto di Scilla
 Le campane di Tropea

 Madonna di Tindari u

 Nino Martino
 Origine di Stromboli
 Papa Silvestro
 Pietra Cappa
 San Francesco
 Santuzza
 Scilla
 
 

 

 

Chi si reca al santuario della Madonna di Tindari, nella ridente cittadina di Patti vede, ai piedi della montagna su cui si trova il santuario, un tratto di mare ... asciutto!

Un giorno di molti anni fa, una donna col suo bambino, per la prima volta dopo un lungo e faticoso viaggio si recò in Sicilia, per visitare il santuario di Tindari, nel giorno della festa, e adorare la dolce Madonna.

Una volta davanti alla statua vide il volto nero della madonna, dentro di se rimase delusa da quella visione e, contrariata, pensò che aver fatto un lungo viaggio per vedere una madonna che aveva il colore della pelle più scuro del suo e della notte e pertanto non degno di una immacolata vergine.

La donna, finiti i festeggiamenti, si preparava al rientro quando si accorse che il suo bambino era precipitato dal ciglio della montagna che, in quel punto, scende a picco sul mare.

La donna disperata cadde in ginocchio e pregò con ardore la grande madre di dio.

Quelle preghiere furono accolte dalla Regina del Cielo, che ordinò al mare di ritirarsi dal punto in cui era caduto l’innocente bambino.

Il mare obbedì e il piccolo fu trovato seduto sulla sabbia asciutta che giocava tranquillamente tra lo stupore della folla che aveva assistito al grande miracolo.

 

 

 
 

 

 Sk

Torna su    home|index|Foto

 

  Risoluzione racc.: 1024 x 760 pixels - 16 mil. colori - Browser min. indicato: I. E. 4.0

 

  Tutti i diritti riservati - webmaster@maridelsud.com - Sul web dal 1997

 by Spiderkapp