www.maridelsud.com

L'arcipelago

Home|Index|Foto u

  Nino Calarco: Webmaster, ideaz. progettaz. fotografia - Www. testi

 

  L'arcipelago u

  Rabat

 Letture

L'arcipelago maltese è situato nel cuore del Mediterraneo, a 93 km dalla Sicilia, 290 km dalla Tunisia e 330 km dalla Libia.

Comprende le isole di Malta, Gozo e Comino, più un piccolo numero di isolotti disabitati fra cui Filfla, st. Paul e Cominotto, che sono poco più di scogli.

L'isola maggiore è, naturalmente, Malta, circa quattro volte più grande della sorella Gozo, mentre Comino ha una superficie di soli 2,6 km quadrati.

L'isola di Malta è dotata di uno dei porti naturali più grandi e meglio riparati dei mondo, per cui, è stata considerata punto strategico fin da quando l'uomo cominciò a navigare.

Fenici, Cartaginesi, Greci, Siciliani, Romani, Bizantini, Arabi, Normanni, Castigliani, Cavalieri di San Giovanni, Francesi e infine gli Inglesi hanno dominato l'isola lasciando tutti una loro impronta.

Lo stesso dicasi di numerosi personaggi storici che hanno lasciato la loro impronta sull’isola: Ulisse, fu quivi trattenuto per sette anni prigioniero d'amore della ninfa Calipso; l'apostolo S. Paolo naufragò nel 60 d.C. sullo scoglio che porta ancora oggi il suo nome; i vari imperatori romani fecero tappa a Malta nelle spedizioni contro Cartagine e nei loro viaggi verso l’Africa; Annibale; Ruggiero il Normanno d'Altavilia; Napoleone che, nel 1798, tolse l'isola ai Cavalieri senza colpo ferire; Nelson che, in compagnia di quella Lady Hamilton, fece un soggiorno presumibilmente più tranquillo.

Cenni storici: Malta è al centro di avvenimenti di portata storica da oltre 5000 anni, cioè fin dall'età del rame.

I templi neolitici: Sono templi costruiti con enormi rocce dal peso di parecchie tonnellate ciascuna. I primi esemplari di templi neoltici maltesi risalgono a circa un millennio prima delle famose piramidi di Giza.

Nell'Ipogeo di Hai Saflieni, luogo sotterraneo di culto e di sepoltura sono stati rinvenute le ossa di oltre 7000 persone. Quattro piani tutti sotterranei scavati nella roccia.

Proprio quando la civiltà di questi misteriosi costruttori di templi, verso il 2000 a.C.,  raggiunge il suo apice, tutto d'un tratto si perde ogni traccia di loro.

Con Ordine dei cavalieri di San Giovanni si ha nell'isola un’altra grande stagione di fioritura culturale.

L'Ordine Gerosolimitano nacque in Terra Santa nel XI secolo come Ordine ospedaliero per aiutare i pellegrini. Poi si fecero anche "soldati di Cristo". Divennero potenti ma con la perdita di Acri, nel 1291, si trasferirono a Rodi costituendo per due secoli un baluardo contro gli Ottomani.

Quando nel 1522, il Sultano Solimano il Magnifico li cacciò. Nel 1530 sbarcarono a Malta concessa loro dall'imperatore Carlo V.

L'arrivo dell'Ordine diede all'isola, povera e priva di risorse, una nuova vita. Costruirono ospedali e edifici vari, migliorate e ampliate le fortificazione, stimolato il commercio.

Ma Solimano decise di impossessarsi anche di Malta, preziosa base per gli attacchi contro il fianco meridionale dell' Europa.

Nel 1565 una grande flotta turca assediò l'isola con scontri di una ferocia inaudita. Si arrivò persino a decapitare i nemici morti e restituirne le teste ai loro compagni tramite le bocche dei cannoni.

L’8 settembre, con l’arrivo dei rinforzi dalla Sicilia, i turchi batterono ritirata. Tra i morti il temuto corsaro Dragut.

L’anno seguente sotto la guida del Gran Maestro Jean Parisot de la Vallette, iniziarono la costruzione di Valletta città-fortezza dalle mura inespugnabili, situata tra i due più grandi porti. Prese il nome del Gran maestro dell'Ordine.

Sorsero uno dopo l'altro palazzi, torri, chiese e monumenti; pitture e sculture vennero commissionate ad artisti di prestigio.

Fu una vera età dell'oro che produsse i gioielli più preziosi che l'isola possa vantare.

Ma il prestigio, la fama e la ricchezza finirono coi far perdere ai Cavalieri il senso del dovere. Divennero arroganti, indisciplinati e dissoluti.

Quando, nel 1798, Napoleone entrò nel Porto Grande, con un pretesto, i Cavalieri, dopo una fiacca resistenza, praticamente gli consegnarono l'isola.

 

 

p Torna su        Home|Index|Foto u

SK

 tutti i diritti riservati - mail: webmaster@maridelsud.com

 

Risoluzione racc.: 800x600 pixels - 16.000.000 colori Browser minimo indicato: Internet Explorer 4.0 - Netscape Navigator 3.0.

 By Spider kapp